Diritto d’Autore: Sugar (Siae), bene incontro con Antitrust

(ANSA) – ROMA, 25 LUG – Il presidente di Siae, Filippo Sugar, ha avuto ieri il primo incontro con l’Autorita’ garante della concorrenza e del mercato. “E’ stato un colloquio approfondito e aperto. Sono molto soddisfatto dell’incontro”, spiega oggi in una nota. L’incontro si colloca nell’ambito dell’istruttoria avviata ad aprile scorso dall’Antitrust nei confronti della Societa’ degli autori ed editori, per accertare l’eventuale abuso di posizione dominante, in base agli esposti presentati da Soundreef e dall’altra start up Patamu. E’ stata proprio la Siae a chiedere di essere ascoltata dall’Autorita’ per fornire la massima collaborazione, peraltro assicurata fin dall’apertura dell’indagine.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

SIAE: FATTURATO RECORD NEL 2016 A 796 MILIONI DI EURO (+ 1,8%)

Filippo Sugar, rispetto a consorelle europee piu’ efficienti e meno costosi

Roma, 29 giu. (AdnKronos) –

Dopo il risanamento e l’importante crescita registrata nel 2015, anche nel 2016 è proseguito l’andamento positivo della Società Italiana degli Autori e degli Editori. Siae ha infatti chiuso l’esercizio 2016 con un fatturato di 796 milioni di euro (+ 1,8% rispetto al 2015), 740 milioni dei quali provenienti dal Diritto d’Autore e altri servizi di intermediazione (+2,2%), e un utile netto pari a 1,3 milioni di euro (0,3 milioni di euro nel 2015). Nel corso di questo esercizio la Società ha registrato il record assoluto negli incassi dalla sua fondazione. Il Bilancio evidenzia che la Società ha liquidato agli aventi diritto 656 milioni di euro compresa la copia privata, con un incremento di 40 milioni di euro sul 2015 (+6,3%); ha ridotto ulteriormente la provvigione media sugli incassi al 15,2% (-0,1%), tra le più basse rispetto alle altre collecting europee, e corrisposto anticipi per circa 130 milioni di euro nel solo settore Musica. Gli incassi per il solo Diritto D’Autore, senza la Copia Privata, si sono attestati a 591 milioni di euro, con un incremento del 3% rispetto al 2015. In aumento gli incassi relativi alla multimedialità (+9,6% sul 2015), in parte ascrivibili al recupero di diritti pregressi nei confronti dei grandi utilizzatori DSP, e quelli relativi all’emittenza (+3,9%), riconducibili alla finalizzazione degli accordi con Mediaset RTI per le sezioni Musica e Cinema.

Nel 2016 è stato incrementato di 5,6 milioni il fondo di riorganizzazione aziendale a supporto del piano strategico (che ha raggiunto quota 19,5 milioni di euro) e sono stati effettuati investimenti per 12,7 milioni di euro, incentrati principalmente sull’Agenda Digitale (7,4 milioni di euro). Nel corso dell’esercizio, inoltre, la Società ha erogato 1 milione di euro come contributi solidaristici e 0,9 milioni di euro per attività culturali e sociali e ha lanciato SILLUMINA, progetto in accordo con il MIBACT, attraverso il quale ha distribuito 6,3 milioni di euro a sostegno di attività che favoriscono la creatività e la promozione culturale nazionale ed internazionale di autori, esecutori ed interpreti under 35. In aumento anche le borse di studio erogate dalla Società, che sono passate dalle 108 del 2015 alle 147 del 2016. Il risultato economico recepisce le azioni strategiche poste in atto: Siae ha concentrato le forze a sostegno del diritto d’autore e del proprio ruolo istituzionale, ha dato forte impulso all’innovazione promuovendo gli investimenti per il recupero dell’efficienza, anticipando le implementazioni richieste dalla Direttiva Barnier attraverso ampie iniziative di riorganizzazione aziendale. ”Il bilancio 2016 e tutte le attività nel digitale che abbiamo realizzato e stiamo continuando a incrementare dimostrano che abbiamo intrapreso un percorso di crescita e di svolta importante che ci posiziona tra le prime e più efficienti collecting mondiali – commenta Filippo Sugar, Presidente di Siae. – Questo esercizio ha confermato la svolta impressa alla Società lo scorso anno, consolidando la netta inversione di rotta rispetto al passato. La crescita degli incassi che si conferma assieme a un ulteriore decremento della provvigione, ci permette di confrontarci in modo vincente con le consorelle tedesca, francese e spagnola ed evidenzia come Siae risulti la società più efficiente e meno costosa, con un aggio del 15,2%”.

Dati alla mano, la trasformazione di Siae in un soggetto in grado di interagire in modo semplice e digitale sia con gli associati che con tutti coloro che utilizzano il repertorio tutelato è continuato in maniera importante anche nel 2016. Dopo il pieno risanamento dei conti, Siae ha implementato l’attività con uno sguardo sempre più deciso all’investimento per il futuro. Ha finalizzato significativi accordi con broadcaster come Mediaset e operatori digitali come Netflix e Apple Music, tutti volti a semplificare i processi sia a vantaggio degli autori che degli utilizzatori; ha proseguito gli investimenti per l’attuazione dell’agenda digitale; ha stabilizzato al 15,2% la provvigione media; ha recuperato efficienza in ogni singolo processo per favorire una migliore fruizione dei servizi da parte degli associati e degli utilizzatori. ”Nel corso del 2016 abbiamo lanciato il nuovo portale per autori ed editori, dove gli associati possono monitorare in ogni momento la loro situazione, con un livello di dettaglio che consente di vedere esattamente da dove provengono gli incassi, sia per area geografica che per categoria di incasso; abbiamo lanciato la piattaforma di pagamento online per poter offrire sempre più servizi agli utilizzatori e avere un rapporto digitale non intermediato; abbiamo investito su mioBorderò, il borderò digitale che offre la possibilità a tutti gli organizzatori e gli utilizzatori di compilare online il programma musicale della serata – aggiunge Sugar. – Grazie a questo strumento non solo possiamo effettuare le ripartizioni in maniera analitica, ma anche liquidare in tempi più rapidi gli aventi diritto, con un grado di controllo notevolmente superiore rispetto a quanto avveniva nel mondo cartaceo. Tutto questo sta continuando: è partita l’iscrizione online per gli autori ed è una realtà anche la possibilità di depositare i brani online”. L’approvazione del bilancio 2016 conclude il quadriennio di gestione degli Organi Sociali attualmente in carica. ”Il periodo, oltre ai risultati positivi raggiunti in un contesto economico sfavorevole, ha visto la base associativa riappropriarsi della Società, agendo compatta nel deliberare piani industriali, rendiconti di gestione ed assumere decisioni strategiche – conclude il Presidente Sugar. – In questi 4 anni la Società ha investito 23 milioni di euro nello sviluppo tecnologico e ha ridotto il costo del personale del 10%, pur avendo stabilizzato nell’organico 120 giovani sotto i 30 anni. Nonostante il PIL negativo del Paese, SIAE ha incrementato il fatturato del 18% (da 674 milioni a 796 milioni di euro) e la riduzione dell’aggio al 15,2% l’ha resa vincente rispetto alle consorelle europee. Infine il quadriennio ha registrato un costante aumento dei diritti liquidati, che hanno visto un progresso del 37%”.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

ANEM ADERISCE ALLA PETIZIONE PER UN PIU’ GIUSTO COMPENSO SUI DIRITTI ON LINE

PETIZIONE:

ANEM ADERISCE ALLA PETIZIONE PER UN PIU’ GIUSTO COMPENSO SUI DIRITTI ON LINE

L’Associazione europea dei compositori e degli autori (ESCA) e la Federazione internazionale degli editori musicali (ICMP) hanno lanciato un appello, a cui ha aderito anche ANEM attraverso la confederata FEM,  alle grandi aziende tecnologiche  affinché paghino ad autori, compositori ed editori un giusto compenso per le loro opere.

Noi, in rappresentanza degli autori, compositori ed editori musicali, stiamo seguendo presso il US Copyright Royalty Board (CRB) i procedimenti che stabiliranno i tassi delle royalties che  i servizi digitali di streaming pagheranno nei prossimi 5 anni.  I risultati di questi procedimenti non influiranno solamente sul mercato musicale americano, ma sull’intero settore industriale.

Il CRB sta raccogliendo le proposte delle grandi aziende tecnologiche, come Google e Amazon, mentre l’Associazione degli Editori Musicali (NMPA) e l’Associazione degli autori internazionali (NSAI) stanno rappresentando l’industria musicale.

Mentre l’Europa sta cercando di definire per gli aventi diritto un sistema che garantisca giusti compensi, ci raccomandiamo ai nostri colleghi della NMPA e della NSAI e facciamo appello al CRB affinché si adotti un sistema che sappia riconoscere agli autori e ai compositori il giusto valore per le loro opere.

L’offerta musicale, grazie ai progressi della tecnologia, è sempre più vasta, ma le aziende tecnologiche cercano sempre di più di abbassare il costo per l’utilizzo della musica. Contemporaneamente, autori, compositori ed editori sono costretti  a combattere per le royalties con gravose e costose azioni con il Copyright Royalty Board.

Le aziende high tech hanno mostrato per anni mancanza di rispetto per il valore della musica che rappresenta il sostentamento di autori e compositori. Se non cambieranno atteggiamento, presto gli autori e i compositori non saranno più in grado di continuare a creare la musica che ha arricchito le vite di milioni di persone in tutto il mondo.

Fai sentire la tua voce e chiedi alle grandi aziende high tech di pagarci il giusto compenso per le opere che creiamo.  E’ una domanda semplice ed è nel tuo interesse!

Firma la petizione qui: https://www.gopetition.com/petitions/songwriters-to-big-tech-stop-fighting-us-in-crb.html

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

SIAE : per nuovi Associati nessun costo di istruttoria

(ANSA) – ROMA, 8 MAR – Dal 1° gennaio 2017 gli autori ed editori che si sono iscritti e si iscriveranno per la prima volta a SIAE non pagheranno più la quota istruttoria della domanda di associazione, ovvero le spese di avviamento della pratica. Lo annuncia la Società degli autori e degli editori precisando che la decisione è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di Gestione della Società ed avrà effetto retroattivo: a coloro che hanno inoltrato domanda di adesione a SIAE all’inizio di quest’anno sarà quindi restituita la quota di istruttoria versata.

“Oltre alla gratuità per gli under 31 introdotta nel 2015, l’abolizione del costo di istruttoria per la prima iscrizione a SIAE senza limiti di età rappresenta un ulteriore importante passo per favorire il diritto di tutti gli autori ed editori di essere tutelati e ricevere il giusto compenso per il proprio lavoro – commenta Filippo Sugar, Presidente di SIAE. – Il nostro obiettivo è quello di essere una società di collecting sempre più competitiva con le altre grandi collecting del mondo, registrando un aumento degli incassi a fronte di una diminuzione di costi per la Società e per chi crea”.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Oscar: SIAE sostiene Fuocoammare nella promozione

(ANSA) – ROMA, 20 FEB – Siae sostiene la candidatura di Fuocoammare di Gianfranco Rosi agli Oscar 2017 come miglior documentario, assieme ai produttori Stemal Entertainment, 21Uno Film, Istituto Luce Cinecittà, Rai Cinema, Les Films d’Ici, Arte France Cinema, al Mibact, Mise-Ice e Consulcesi Onlus. “Come Società Italiana degli Autori ed Editori siamo orgogliosi di dare il nostro contributo alla promozione di un grande capolavoro del cinema documentario italiano – commenta Gaetano Blandini, direttore generale di SIAE. – Dopo essersi aggiudicato l’Orso d’oro a Berlino nel 2016, Fuocoammare ha già ricevuto 9 premi internazionali e oggi è fra le nomination all’Oscar. Le nostre congratulazioni a Gianfranco Rosi e a tutti i suoi compagni di questo viaggio verso Hollywood”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

SIAE : denuncia-querela contro Viagogo per biglietti Vasco

(ANSA) – ROMA, 25 GEN – La Siae presenterà domani una denuncia querela contro Viagogo che – nonostante la lettera di diffida formale inviata il 19 gennaio scorso – “continua a mettere a disposizione e vendere biglietti non ancora disponibili per l’evento “Vasco Modena?Modena Park” del 1 luglio 2017″. Lo comunica la stessa società in una nota. “La Società Italiana degli Autori ed Editori – si legge – invita i consumatori a non comprare i biglietti sul mercato secondario e ricorda che i ticket per l’evento di Vasco del 1 luglio saranno disponibili sul circuito ufficiale di Vivaticket con la policy di vendita concordata tra l’organizzatore, Vivaticket e SIAE”.

“Stiamo monitorando costantemente la vendita dei biglietti e faremo controlli accurati per supportare gli organizzatori e rendere più corretto il mercato a garanzia degli spettatori, degli operatori dello spettacolo, degli autori e artisti, dell’erario e della concorrenza – commenta Gaetano Blandini, Direttore Generale di SIAE. – A tale proposito, proprio per rendere ancora più concreto il nostro impegno, abbiamo istituito una casella di posta elettronica dedicata alle segnalazioni sui casi di secondary ticketing per tutti gli eventi in cui il fenomeno si ripropone”. La mail è: nosecondaryticketing@siae.it. SIAE utilizzerà tutte le segnalazioni ricevute per contrastare il fenomeno del secondary ticketing.(ANSA).

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

SIAE, BLANDINI: GLI AUTORI CREDONO NELLA NUOVA SIAE

Roma, 29 dic – “Gli autori credono nella nuova SIAE e ciò è confermato dai dati”. Lo afferma Gaetano Blandini, direttore generale della SIAE, in una intervista a Specchio economico: “Nel 2015, abbiamo registrato 7.336 nuovi iscritti e per fine 2016 prevediamo di superare le 7.500 nuove adesioni. Siamo anche soddisfatti della significativa diminuzione del numero di dimissioni registrato negli ultimi due anni, segno di una rinnovata fiducia nella Società. Nel 2015 i dimissionari sono scesi a 734, ossia del 24 per cento rispetto all’anno precedente, e per il 2016 ad oggi ne abbiamo solo 332. Contiamo oltre 83 mila associati tra autori ed editori, di cui oltre 1.100 sono stranieri. La nostra Società è senza scopo di lucro, l’unico obiettivo è la tutela degli associati in Italia e all’estero. Gestiamo un repertorio di circa 45 milioni di opere e non facciamo alcuna discriminazione tra artisti popolari o meno popolari, giovani o meno giovani in tutti i settori della cultura. II nostro lavoro non è paragonabile a quello di altre società a scopo di lucro. La SIAE collabora con più di 150 società di ‘collecting’ internazionali ed è la settima nel mondo in termini di incassi. Siamo nel ‘board of directors’ della CISAC (la Confédération Internationale des Sociétés d’Auteurs et Compositeurs, ndr), il più importante organismo globale che riunisce le società che tutelano il diritto d’autore a livello internazionale”. Inoltre evidenzia che “gli under 31 e le startup editoriali, che operano da meno di due anni, possono iscriversi gratuitamente alla SIAE e hanno diritto di voto. Dal gennaio 2015 ad oggi si sono associati 6.589 nuovi giovani autori. Chi paga la quota associativa partecipa alla vita dell’associazione. Con una quota minima si può dare mandato. La tutela è la medesima ma non si concorre ad eleggere o essere eletti negli organi sociali”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

SNAC : LA RETE NON REMUNERA CREATORI MUSICALI

Roma, 6 dic.  – La ‘rete’, nelle sue varie forme di uso ed abuso, a parte la pirateria, non remunera adeguatamente i creatori di quel materiale musicale che è l’oggetto principale dell’attenzione del pubblico, che di quella stessa rete è un frequentatore abituale. Questa la sintesi del convegno ‘A che punto è L’Autore…?’ organizzato da Snac, Sindacato nazionale autori e compositori, con la collaborazione della Federazione Autori. Tra i presenti, oltre al presidente Snac, Massimo Cantini, Franco Micalizzi, Amedeo Minghi, Tonino Coggio, Edoardo Vianello, Mario Lavezzi, Massimo Di Cataldo, Luigi Fontana, Bruno Zambrini, Mariella Nava, Piero Pintucci, Ruggero Po e Dario Salvatori. “Diversi i temi trattati -spiega a Labitalia Franco Micalizzi presidente del Consiglio di sorveglianza Siae e membro del consiglio direttivo Snac- lo sfruttamento di 30 milioni di brani da parte di una sola di queste piattaforme fornisce ampiamente l’idea della perdita di valore dei singoli brani; un’offerta spropositata che ripaga gli autori, in maniera inversamente proporzionale, con pochissimi centesimi”

“Anche la diffusione radiofonica della musica -sostiene- da parte dell’emittenza privata, ma purtroppo anche di quella pubblica, è risultata non democratica; è emerso infatti che viene molto limitata la promozione del panorama musicale generale. Molte radio sono editori ed anche produttori di musica e, in conflitto di interesse, danno soprattutto spazio ai propri artisti, e non al resto delle possibilità presenti nel mercato. L’insieme delle radio, inoltre, non dà il giusto risalto a nuovi talenti fuori da circuiti privilegiati e tende a sottovalutare le produzioni dei cantautori non più considerati di moda”. Tra le proposte emerse dal convegno “figura quella che investe i sindacati stessi, supportati possibilmente dalla Siae, nel dare vita a una varietà di valide e competenti radio web, che comprendano però la programmazione di musica varia dedicata a canali tematici quali colonne sonore, musica strumentale, canzoni di giovani autori ed altro, con approfondimenti culturali a tutto tondo”. Un altro argomento trattato è stata anche la rivendicazione della unicità della Siae nell’esigere il diritto d’autore, perché “creare altre società per mano di privati comporterebbe necessariamente scopo di lucro da parte di chi le dovesse promuovere, e sarebbe assolutamente contro la tutela degli interessi degli autori accettare l’avanzata di simili realtà, considerato che entrando in concorrenza si andrebbe in primis al ribasso dei diritti e non certo all’aumento”.

“La Siae -sottolinea Franco Micalizzi- svolge e ha svolto egregiamente questo compito, e dunque è assolutamente opportuno e conveniente che continui da sola. Orbene, per il mondo autorale, unito e non diviso, è il momento di riflettere su quanto dibattuto e proposto per trovare le giuste soluzioni”. ”Ci auguriamo -auspica- di non dover intraprendere iniziative clamorose nel prosieguo; ci auguriamo anzi che le buone intenzioni venute fuori dall’incontro non restino chiacchiere vuote per chi deve invece aiutarci a risolvere un problema serio ed oggettivo: il mestiere dell’autore sta scomparendo, e molte persone che non possono contare su uno storico importante, stanno vivendo addirittura il problema della mera sussistenza”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

MERCOLEDI’ LIVE

Dopo aver seguito da vicino e collaborato attivamente in tutte le evoluzioni del Patto della Musica e di altre iniziative del Comune di Milano sulla semplificazione burocratica a favore dei Live Club, vi comunichiamo una delle prime azioni concrete di cui beneficiare già dal 1 gennaio 2017. Il Circuito dei Live Club italiani KeepOn, accoglie ovviamente con piacere tutte le iniziative che possano agevolare le esibizioni di musica dal vivo e il lavoro di chi ci si dedica con passione e professionalità. Un’importante iniziativa per sostenere la musica dal vivo: dal 1° gennaio al 30 giugno 2017, su tutto il territorio nazionale, SIAE promuove i “Mercoledì Live”, un progetto nato per favorire le esibizioni live di cantautori e musicisti con il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

“Dopo una prima sperimentazione in Puglia, la primavera scorsa, e il confronto con alcuni operatori del settore avvenuto anche tramite l’intervento del Comune di Milano, il Consiglio di Gestione di SIAE ha deciso di allargare il progetto a tutto il territorio nazionale per i primi sei mesi del prossimo anno, puntando su una tariffa forfettaria agevolata per gli eventi gratuiti organizzati nei pubblici esercizi, senza limitazioni di repertorio né di età per gli autori e i musicisti – spiega Filippo Sugar, Presidente di SIAE.

– Il nostro obbiettivo è quello di incrementare il numero di eventi di musica dal vivo, legandoli alla promozione della compilazione e riconsegna online del programma musicale, attraverso la piattaforma mioBorderò, che consente una ripartizione più rapida e analitica del diritto d’autore”. I “Mercoledì Live” puntano sulla semplificazione per ampliare la platea di organizzatori di spettacoli in aree non professionali (titolari di bar e ristoranti), superando la percezione di complessità ed onerosità legata all’allestimento di eventi musicali dal vivo in locali con capienza fino a 200 persone con ingresso gratuito del pubblico senza obbligo né maggiorazione del prezzo delle consumazioni. La tariffa forfettaria prevista è di 25 euro più IVA, con una riduzione del 50% circa della tariffa media per questo tipo di intrattenimenti; gli organizzatori potranno richiedere il rilascio del permesso anche online. “Come SIAE crediamo molto in questa iniziativa. Per gli autori, soprattutto i più giovani, l’esibizione live rappresenta un’opportunità insostituibile per relazionarsi direttamente con il pubblico e far conoscere la propria musica – conclude Sugar. – Dopo i primi sei mesi di sperimentazione valuteremo se estendere il progetto anche ad altri periodi”.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Musica: secondary ticketing, SIAE vince ricorso d’urgenza

(ANSA) – ROMA, 1 DIC – La Siae ha vinto il ricorso d’urgenza presentato il 13 ottobre sul caso della rivendita dei biglietti dei concerti dei Coldplay, presentato dalla Società con il sostegno di Federconsumatori. E’ la stessa Società, che ha indetto per oggi alle 15.30 una conferenza stampa a Milano, a comunicare che il Tar di Roma si è pronunciato a favore. In particolare, la sentenza del Tar inibisce a Live Nation 2, Seatwave, Ticketbis e Viagogo, l’ulteriore vendita diretta o indiretta sul mercato secondario dei biglietti dei concerti dei Coldplay a Milano, acquistati sul mercato primario offline direttamente da Live Nation 2 o tramite i suoi distributori ufficiali, TicketOne e Best Union, nonché quelli precedentemente acquistati sul mercato primario online da Seatwave, Ticketbis e Viagogo con programmi informatici in grado di aggirate il limite massimo di biglietti venduti a ciascun consumatore. Inoltre fissa una penale di 2.000 euro per ogni ulteriore biglietto venduto in violazione dell’ordine di inibizione e condanna le parti a rifondere a Siae e Federconsumatori le spese processuali.

 

“Siamo molto soddisfatti dell’esito positivo del ricorso. Si tratta di un passo importante nella lotta al secondary ticketing, sia per i consumatori, che per tutti gli autori e tutti i titolari del diritto d’Autore e per coloro che operano nel settore”, commenta Gaetano Blandini, Direttore Generale di SIAE. “Si tratta di un grande risultato che il Tribunale abbia accolto le motivazioni presentate, rilevando l’illiceità dell’attività di bagarinaggio online che rappresenta un pregiudizio economico sia per i consumatori che per gli autori – conclude Gaetano Blandini. – Come SIAE continueremo la nostra battaglia contro il secondary ticketing impegnandoci in tutte le attività possibili volte a combattere un fenomeno che rappresenta un freno inaccettabile alla crescita economica oltreché alle opportunità di lavoro nel settore dello spettacolo e della cultura”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento