SIAE: Elezioni del 5 Settembre 2022

ANEM : i nostri candidati sono nella Lista SIAE NEXT !!

richiedi il nostro Programma Elettorale all’indirizzo: info@anem.it

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

CALCIO: SIAE, MOGOL “FELICI ADERIRE A INIZIATIVA LEGA A SU UCRAINA”


ROMA (ITALPRESS) – “Non appena il presidente della Lega Calcio di
serie A, Lorenzo Casini, ha proposto a Siae di essere partner di
questa bellissima iniziativa ho immediatamente aderito con
entusiasmo. Ringrazio Roberto Razzini, managing Director di Sony
Music Publishing Italia, e Gaia, giovane e bravissima cantautrice,
come pure i dirigenti di Siae che si sono immediatamente attivati
per far giungere in Italia l’artista ucraina Kateryna Pavlenko,
leader dei Go_A”. Così Giulio Rapetti Mogol, presidente Siae,
commenta l’iniziativa della Lega Calcio di serie A di far
precedere la partita Juventus-Inter, che si giocherà domani sera,
dalle parole della canzone “Imagine” di John Lennon interpretata
dalle due giovani artiste. “Gli artisti sono contro tutte le
guerre. Come non smette di dichiarare quotidianamente il Santo
Padre, tutti dobbiamo dare il nostro contributo affinché questo
scempio finisca al più presto”, conclude Mogol

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Ucraina: Siae sospende pagamenti a società autori russe

ROMA, 01 MAR – Per manifestare la contrarietà ad
ogni guerra, la Siae ha deciso di sospendere il pagamento del
diritto d’autore alle società d’autore russe. Lo annuncia il
presidente Giulio Rapetti Mogol, che in queste ore drammatiche
esprime la vicinanza della società degli autori e degli editori
al popolo e alle istituzioni ucraine. E sottolinea: “L’attacco
della Russia all’Ucraina è ingiustificato e ingiustificabile e
mette a rischio i principi di libertà e democrazia in Europa
dopo decenni”.


Negli ultimi giorni, racconta Mogol, “abbiamo riflettuto su cosa
SIAE avrebbe potuto fare come segnale di solidarietà nei
confronti dell’Ucraina e alla fine abbiamo preso la decisione di
sospendere il pagamento del diritto d’autore alle società
d’autori russe, fino al termine del conflitto, accettando
ovviamente la più che probabile sospensione del pagamento dei
diritti d’autore a SIAE da parte delle consorelle per
ritorsione”.

La Siae, sottolinea il presidente , è consapevole
che si tratta di “un’azione forte e senza precedenti nella
storia recente di SIAE. Vogliamo sottolineare però che non si
tratta di una presa di posizione contro gli autori e gli editori
russi, che non hanno alcuna responsabilità con riferimento a
quanto sta accadendo, ma è un’azione con cui vogliamo
manifestare la nostra contrarietà a qualsiasi tipo di guerra,
peraltro coerentemente con quanto stanno facendo il Governo
italiano e l’Unione Europea”. (ANSA)

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Blandini (Siae): Settore allo stremo, rischiamo di celebrare suo funerale




Roma, 4 feb – “Temo che oggi stiamo celebrando il funerale della musica. Tutta
la filiera dell’industria musicale è allo stremo, ci sono stati ristori ma non adeguati
ai danni che il settore ha subito. Il comparto dello spettacolo dal vivo è
importante, fa lavorare tante persone, ha quindi un valore economico e sociale,
purtroppo stiamo perdendo anche competenze professionali”. Lo ha detto Gaetano
Blandini, direttore generale Siae, intervenuto agli “Stati Generali della
Musica: Appello dell’Industria Musicale Italiana” organizzato a Sanremo da
CasaSiae.

“Ci dicono che siamo il Paese più virtuoso, che ha fatto più
vaccini, ma che ha ancora le maggiori restrizioni – sottolinea Blandini -. Grandi paesi
europei stanno allentando le maglie, speriamo che questo accada anche da noi.
Oltre ai ristori servono norme fiscali che permettano alle aziende di
sopravvivere, sennò rischiamo di perdere la nostra identità culturale. Il
Festival di Sanremo è un’occasione bellissima per tutta l’industria
musicale, ma non risolve il problema, è una piccola goccia nel mare”

“La lirica, il teatro di prosa, il cinema, da sempre sono assistiti
dallo Stato e la musica non se ne è mai lamentata e ha sempre lavorato sul mercato,
non ha mai avuto assistenza dalle istituzioni. Per questo chiediamo poche cose:
rimetteteci in grado di ripartire subito”. Lo ha detto Gaetano Blandini,
direttore generale Siae, intervenuto agli “Stati Generali della Musica:
Appello dell’Industria Musicale Italiana” organizzato a Sanremo da
CasaSiae.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Sassoli: Mogol, Europa e Italia perdono grande uomo

ROMA, 11 GEN – “La triste notizia della prematura
scomparsa del presidente del Parlamento Europeo David Sassoli mi
ha colpito profondamente. L’Italia perde un grandissimo
rappresentante nelle istituzioni europee che ha dimostrato forte
sensibilità anche per i temi della tutela dei diritti degli
autori, convinto che la cultura e l’eredità culturale europea,
così varia e ricca, sia il cemento che sostiene il comune senso
di appartenenza all’Unione”. Lo dice nel suo cordoglio per la
scomparsa di David Sassoli il presidente Siae Giulio Rapetti
Mogol.
“Ho avuto la possibilità di conoscerlo a Bruxelles nel 2019,
quando l’Europarlamento si era occupato della Direttiva sul
diritto d’autore nel mercato unico digitale. Dall’incontro era
emersa una totale disponibilità a sostenere il settore culturale
e creativo nella lunga battaglia per il giusto riconoscimento
dei diritti di tanti professionisti, autori, compositori,
musicisti, scrittori che contribuiscono con il loro lavoro ad
arricchire la nostra diversità, i valori, la storia e il modo di
vivere europei. L’Europa e l’Italia perdono un grande uomo, io
perdo un grande amico” afferma Mogol. (ANSA)

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Copyright, Siae: schema dlgs buon punto d’equilibrio ma presenta criticita’


Roma, 12 ott. (AgCult) – “Lo schema di decreto legislativo così come approvato dal Governo
il 5 agosto, appare a Siae in linea con la Direttiva Copyright
del 2019. Lo schema di decreto può essere ritenuto un buon punto
d’equilibrio tra l’aspirazione a un giusto compenso degli autori
e la possibilità degli utenti di accedere nel modo più libero
possibile ai prodotti culturali. Per Siae tuttavia lo schema
presenta ancora alcune criticità tecniche”. Lo ha sottolineato il
direttore generale della Siae, Gaetano Blandini, in audizione
presso le commissioni riunite Giustizia e Lavoro del Senato. “Il
nostro settore – ha ricordato – è uno dei quelli che ha subito
maggiori danni dalla pandemia, attendiamo con trepidazione questo
provvedimento che consente di dare un equo valore al lavoro
creativo degli artisti”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

COVID: BLANDINI (SIAE) : GRAZIE A BORGONZONI PER SUO IMPEGNO E SOSTEGNO PER RIAPERTURE

Roma, 9 ott. (Adnkronos) – “Il decreto-legge approvato dal Consiglio
dei Ministri per l’accesso alle attività culturali, sportive e
ricreative, è il vero passo avanti nel quale confidavamo per un
ritorno alla normalità e alla ripresa della socialità delle nostre
vite. In particolare vogliamo ringraziare il Sottosegretario al
Ministero della Cultura Lucia Borgonzoni per l’impegno, il sostegno e
l’importante contributo dato per le riaperture e per essersi sempre
battuta in prima persona a fianco del mondo degli artisti”. Lo
dichiara in una nota il direttore generale della Siae, Gaetano
Blandini.

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

Capienza: Siae, primo piccolissimo passo in avanti

(ANSA) – MILANO, 09 OTT – “Un primo piccolissimo passo in
avanti lo abbiamo fatto, ovviamente non è sufficiente”: così
Gaetano Blandini, Direttore Generale della SIAE, commenta il
decreto legge sulla pandemia.
Nel corso della tavola rotonda alla villa reale di Monza,
Blandini ha poi dato i numeri della musica negli ultimi 2 anni:
nel primo semestre 2019 ci sono stati 20mila spettacoli con una
spesa al botteghino di 217 milioni di euro, nel primo semestre
del 2020 i live sono stati 5300 con una spesa del pubblico di 29
milioni mentre nei primi sei mesi di quest’anno è stata “la
devastazione totale” con 3000 spettacoli e 6 milioni di spesa al
botteghino. “In un biennio – sottolinea Blandini – sono stati
bruciati solo tra musica leggera, jazz e classica oltre 400 mln
euro e, a guardare solo la musica leggera, sembra la guerra
nucleare: è stato completamente devastato un settore che fa
lavorare più di un milione e 500mila persone, perché per ogni
artista che sale su un palco ci sono elettricisti, fonici, c’è
un indotto molto importante”

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

CULTURA AL 100×100


Fateci ripartire in sicurezza ma fateci ripartire realmente. Abbiamo la sensazione – dice il Presidente SIAE Giulio Rapetti Mogol – che nel Governo prevalgano o rischino di prevalere atteggiamenti e posizioni minoritarie che francamente sembrano pi  irragionevolmente emotive che realmente razionali. Non vogliamo ammalarci ma il rischio di morire SANI   ormai molto reale .  

Abbiamo sempre rispettato le regole e le leggi e anteposto la salute dei cittadini a tutto il resto. Ora per  siamo veramente allo stremo – continua Mogol – ristoranti, bar e molte altre attivit  hanno ripreso quasi a pieno regime. Circa il 70% dei cittadini ha completato il ciclo vaccinale e il green pass costituisce un altro presidio importante a tutela della salute; moltissimi artisti si sono schierati in favore della campagna vaccinale.

Peraltro, molte discoteche e locali stanno finendo nelle mani della malavita organizzata, con l’evidente possibilit  di trasformarsi cos  in potenziali presidi di malaffare e di spaccio. In altri grandi paesi europei le attivit  culturali sono riprese a pieno regime o quasi. Per questo rivolgiamo un appello al Presidente del Consiglio e al Ministro della Cultura che da tempo si batte per le riaperture .

Con le parole di Mogol, vogliamo raccontarti come e perch  nasce la petizione CULTURA AL 100×100: far tornare i luoghi dell’arte e della cultura al massimo delle loro potenzialit . Prima della pandemia, l’industria creativa era la terza del Paese e dava lavoro complessivamente a pi  di 1,5 milioni di persone, il 40% dei quali under 35. L’appello per sensibilizzare il ritorno a poter usufruire quanto prima di tutta la capienza dei luoghi dell’arte e dell’intrattenimento   un atto doveroso nei confronti di tutti: lavoratori e pubblico.

Come SIAE conosciamo bene il valore economico e sociale delle attivit  culturali, e anche per noi   diventato impossibile mantenere fede alla nostra mission, quella di essere sempre dalla parte di chi crea. I mancati incassi della nostra Societ  sono lo specchio di altrettanti mancati incassi per gli autori, gli interpreti, gli editori, tutti coloro che producono cultura, spettacolo e intrattenimento nel nostro Paese.

Il nostro impegno   portare l’appello all’attenzione del Governo per chiedere a gran voce di aumentare la capienza dei teatri, dei cinema, degli spazi deputati alla musica dal vivo.

Ci sarai per CULTURA AL 100×100?

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento

LETTERA DI CONTRARIETA’ AL MINISTRO FRANCESCHINI

Caro Ministro,
Gentile Sottosegretaria,
Gentili Relatori,


le Associazioni scriventi esprimono la loro forte contrarietà agli emendamenti presentati al cd. DecretoSostegni-bis (AC 3132) numeri 65.23. Toccafondi, 65.18 Lattanzio, 65.26 e 65.27 Vacca, 67.61 Capitanio, 65.44 Mor.
A vario titolo gli emendamenti intervengono sull’articolo 65 comma 4 del Testo del Decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale e suddetto comma ha una portata limitata, molto specifica e urgente, riferendosi soltanto alla gestione e riscossione della copia privata per il settore fonografico e non già per l’intero impianto della copia privata.
Tutti gli emendamenti vanno a stravolgere caoticamente l’impianto giuridico di tutta la copia privata come prevista degli articoli 71-septies e octies della Legge 633/1941.

Tutti gli emendamenti hanno la pretesa, senza consultare le parti e gli aventi diritto, di modificare con un “blitz” le finalità della copia privata. In particolare, in modo caotico, proprio nel momento di massima sofferenza economica di artisti, interpreti ed esecutori nonché dei titolari dei diritti, gli emendamenti stravolgono lo strumento della copia privata per andare verso un futuro incerto che non garantisce nessuno degli aventi diritto.
Le Associazioni si oppongono a queste proposte perché si delinea un “non scenario” privo di necessari e adeguati approfondimenti, dialogo e concertazione. Sparisce il ruolo della SIAE che, per legge era titolata alla raccolta, si inseriscono – con i due emendamenti Vacca – nuovi soggetti titolati alla raccolta che non avrebbero un minimo di competenze e background, creando una vera e propria “giungla” priva di serietà degli operatori.
Consci dell’attenzione che Ella ha sempre prestato a tutte le materie che afferiscono al diritto d’autore e ai diritti connessi e certi anche della Sua nota sensibilità verso soluzioni serie e mai improvvisate siamo a chiedere un parere negativo alle citate proposte emendative.
Restiamo a disposizione per eventuali approfondimenti; cordialmente,

Pubblicato in NEWS | Lascia un commento